'Buonanotte, amore mio': le ultime parole di Robin Williams a sua moglie prima di morire

Dic 28, 2019 by apost team

Le lacrime causate dalle risate si sono improvvisamente trasformate in lacrime di tristezza il giorno in cui l'America ha perso uno dei più brillanti comici e attori mai vissuti. Quando Robin Williams si è suicidato nel 2014, molte persone, compresa sua moglie, avevano pensato che la colpa fosse della depressione. Da allora abbiamo imparato che è stato qualcosa in più a causare questa perdita straziante.

Susan Schneider Williams ha inizialmente rilasciato una dichiarazione nella speranza che l'attenzione si concentrasse sulle risate e sulla gioia che suo marito ha portato a milioni di persone quando era ancora vivo e non sulla sua morte. Oggi l'obiettivo è quello di portare la consapevolezza delle vere cause collegate alla morte del marito.

Nell'ottobre del 2015 Susan aveva rilasciato la sua prima intervista. In quell'intervista alla ABC aveva offerto un resoconto emotivo di ciò che aveva davvero ucciso Robin Williams e dei suoi ultimi momenti con lui.

apost.com

istockphoto.com/baona

Le circostanze si sono rivelate essere ben diverse da una grave depressione. Nessuno, incluso lo stesso Williams, conosceva il nome dei problemi neurologici che si stavano verificando nel suo cervello.

Nel 2016, Susan è stata autrice di un editoriale speciale, intitolato The Terrorist Inside My Husband's Brain. La sua speranza era di riuscire a fare la differenza nel mondo delle malattie cerebrali. Sono passati più di cinque anni dalla morte di Williams e Susan ha offerto a tutti noi un quadro più completo del come, del perché e dell'agonia che hanno portato alla fine della vita del marito.

Williams lottava con una serie di sintomi già nell'anno prima della sua morte. Sintomi come difficoltà urinarie, stress, bruciore di stomaco, mal di stomaco, insonnia e un tremore alla mano sinistra che andava e veniva e variava in intensità. Questi problemi, insieme alla paura, alle delusioni e all'ansia, le avevano fatto pensare che suo marito potesse essere ipocondriaco.

Quello che ne era seguito era stato un test e altri esami, tutti negativi. Psicoterapia e farmaci anti-psicotici erano stati dati come trattamento, ma i suoi sintomi neurologici continuavano a peggiorare e nessun miglioramento compariva, secondo l'articolo di Susan su Neurology.

istockphoto.com/Pornpak Khunatorn

Durante le riprese di Una notte al museo 3, Williams faticava a ricordare le battute e non riusciva a controllare la sua ansia. Susan descriva come il marito avesse difficoltà a crederle mentre lei cercava di rassicurarlo, per la prima volta nella loro relazione di sette anni. I due hanno condiviso un matrimonio che la donna ha descritto come "il miglior amore che abbia mai sognato."

Racconta che Williams avrebbe detto che gli sarebbe servito "riavviare" il suo cervello. Era consapevole che stava perdendo la testa. Lo percepiva, ma non era in grado di fermarlo.

I medici avevano eseguito tutti i test immaginabili, ma era risultato tutto negativo. I suoi livelli di cortisolo erano l'unica anomalia. Circa tre mesi prima della sua morte, a Williams era stata finalmente diagnosticata la malattia di Parkinson. Come Susan avrebbe imparato più tardi, questa diagnosi era solo la punta dell'iceberg, continua nel suo articolo.

Nei tre mesi successivi, Robin si era dedicato al trattamento del Parkinson con varie terapie e allenamenti consigliati dai principali specialisti del settore. I suoi sintomi però non si erano attenuati.

Susan aveva descritto le montagne russe che affrontava Williams partendo dal suo essere normalmente brillante e spiritoso un minuto, solo per trovarsi in uno stato di totale confusione il minuto successivo. Il suo ragionamento di base e il funzionamento delle sue capacità cognitive erano in costante declino. Era stanco e sia il marito che la moglie si sentivano affogare nei sintomi.

getty / Peter Kramer / Getty Images Entertainment

Il fine settimana prima della morte di Williams, Susan era fiduciosa. Si erano goduti un bel sabato facendo tutte le loro cose preferite. La domenica sera si era conclusa con uno scambio di "Buonanotte, amore mio" prima di andare a letto. Susan non avrebbe mai immaginato che quelle sarebbero state le loro ultime parole, afferma nell'articolo.

Ci sarebbero voluti tre mesi prima che Susan scoprisse il perché da un rapporto autoptico. Williams ha sperimentato tutti gli oltre 40 sintomi della Demenza a corpi di Lewy (DLB.) La malattia è la seconda causa più comune di demenza dopo il morbo di Alzheimer. La "diffusione" e l'intensità della DLB di William è stata identificata come una delle peggiori in assoluto.

istockphoto.com/SIphotography

Anche se Susan ritiene che l'equipe medica di William fosse vicina a una diagnosi di DLB, si chiede che differenza avrebbe potuto fare per Williams. Dopotutto, era una patologia incurabile, gli restavano forse altri tre mesi di vita e quel tempo avrebbe probabilmente dovuto essere passato in un ospedale sotto sorveglianza. Avrebbe solo prolungato e intensificato quella che era già un'agonia insopportabile?

Susan è ora concentrata sull'apprendimento di tutto ciò che c'è da sapere e da fare sulla DLB. È un viaggio che l'ha trasformata da vedova in avvocato e l'ha fatta entrare nel consiglio di amministrazione dell'American Brain Foundation. La sua speranza è che un'azione significativa verso le malattie cerebrali e le possibilità di guarigione possano venire dalla condivisione del suo viaggio in questo dolore straziante.

Hai mai sentito parlare della DLB o hai avuto a che fare con la difficile situazione delle malattie cerebrali? Raccontaci la tua storia e i tuoi pensieri nella sezione commenti e non dimenticare di condividere questa storia con altre persone per ricevere un aiuto nell'opera di sensibilizzazione di Susan.